stampa | chiudi

LAZIO. LA VOCE DELL'AQUILA

Vidal stende la Lazio e prenota lo scudetto

La doppietta del cileno decide il match

Troppo forte la Juventus vista ieri sera, nella tredicesima giornata di ritorno di campionato giocata all'Olimpico di Roma. La Lazio non può nulla contro lo strapotere bianconero, le numerose assenza in difesa, e la convalescenza di giocatori fondamentali( Klose e Mauri) non hanno permesso ai biancocelesti di opporsi alla forza d'urto di Pirlo e compagni. Lo sciagurato intervento di Cana in area di rigore, a soli sette minuti dal fischio iniziale, ha poi spianato la strada agli avversari che, con Vidal, realizzano il calcio di rigore e passano subito in vantaggio. Galvanizzati dal "regalo"  laziale, i bianconeri continuano a spingere e a chiudere i romani nella proprio metà campo, fino al raddoppio firmato nuovamente da Vidal. Nel secondo tempo gli uomini di Petkovic non rimangono a guardare e provano, con uno scatto d'orgoglio, a reagire per non diventare l'ennesima "vittima sacrificale" della capolista. Il gol non arriva, ma almeno si è evitato di finire il match in goleada, come il primo tempo lasciava presagire. La Lazio, in queste condizioni, non poteva fare di più, i giocatori in campo si sono battuti, certo con più attenzione si sarebbe potuto sperare anche in un risultato positivo.

LA CRONACA. La Juventus va all’Olimpico di Roma per far visita alla Lazio e chiudere il discorso Scudetto dopo la cocente eliminazione europea. Conte sceglie Marchisio a sostegno di Vucinic per inserire Pogba dal 1’, con Peluso che sostituisce Chiellini. Petkovic ha le mosse obbligate e come da copione parte con Candreva-Hernanes-Mauri alle spalle di Klose. Lazio subito aggressiva ma senza pungere, così ai Campioni d’Italia basta che salga in cattedra Vucinic per scardinare la muraglia celeste: prima duetta con Pogba smarcandolo a centro area con il francesino che spreca ciccando la palla, poi lo fa con Marchisio e nell’affondo in area di rigore viene stesso da Cana che commette nettamente fallo. Dal dischetto Vidal spiazza Marchetti e sblocca il risultato. Al 17’ Ciani s’immola su botta di Marchisio da centro area, su bel cross di Lichsteiner; dopo pochi minuti è Marchetti a negare il gol a Vucinic il quale aveva deviato una punizione di Pirlo dal limite. Al 25’ da azione di corner Cana liscia il pallone al volo da due passi. Dopo 3’ il colpo del K.O. con Vucinic che imbecca Marchisio di prima, ma una deviazione della difesa smarca di fatto Vidal davanti a Marchetti, superato d’esterno destro. Raddoppio Juve e partita in ghiaccio. Al 35’ in contropiede ancora Vucinic lancia Marchisio che dopo un buon dribbling viene murato dal limite con la palla che si spegne di poco a lato. Al 41’ unica parata di Buffon che si protrae in tuffo su punizione da distanza siderale di Candreva deviata da Pirlo. Finisce il primo tempo e la Juventus è padrona del match. Petkovic inizia la ripresa bocciando Hernanes e Mauri inserendo Kozak ed Ederson ridisegnando la squadra con il doppio centravanti.Anche in questa frazione di gioco è la Lazio a partire forte, ma sempre senza pungere granchè. Lo fa dopo 5’ con un bel colpo di testa di Ciani che Buffon respinge molto bene. Squilli di Marchisio che spreca clamorosamente davanti alla porta con Marchetti battuto dopo aver deviato una punizione di Pirlo, poi di Kozak che di testa chiude gli occhi e si mangia il gol al 16’, infine di Klose allo scadere che da ottima posizione dopo rimpallo favorevole spara fuori di sinistro.

TABELLINI E PAGELLE: 
- Lazio (4-1-4-1): Marchetti 6.5; Gonzalez 5.5, Ciani 5.5, Cana 5, Stankevicius 5; Ledesma 5.5 (dal 67′ Luca Crecco 5.5); Candreva 6, Hernanes 5 (dal 46′ Libor Kozak 5), Onazi 6, Mauri 5 (dal 46′ Onorato Ederson 6); Klose 5. A disp.: Bizzarri, Strakosha, Serpieri, Antic,   Cataldi,   Rozzi, Floccari, Saha. All.: Petkovic 5
- Juventus (3-5-1-1)
: Buffon 7; Barzagli 7, Bonucci 6.5, Peluso 6.5; Lichtsteiner 6 (dal 65′ Simone Padoin 6), Vidal 8, Pirlo 7, Pogba 7.5, Asamoah 6.5; Marchisio 7 (dall’89′ Giaccherini sv); Vucinic 7.5 (dall’86′ Quagliarella sv). A disposizione: Storari, Rubinho, Caceres, De Ceglie,   Giaccherini, Quagliarella, Matri, Isla, Marrone. All.: Antonio Conte 8.
- Arbitro
: Giannoccaro
- Marcatori
: 8' rig., 28' Vidal
- Ammoniti
: Cana, Ciani (L), Vidal, Peluso (J)

di Valerio Ercoli

16 Aprile 2013

stampa | chiudi