stampa | chiudi

ROMA. LA VOCE DELLA LUPA

Osvaldo-Lamela gol, la Roma torna a vincere

Privi di molti titolari, i giallorossi si impongono 2-1 a Torino. Lamela, gol numero 14. Balzaretti espulso del finale

La Roma conquista tre punti importantissimi in chiave Europa battendo il Torino 2-1 e scavalcando in classifica l’Inter di Stramaccioni, sconfitta dal Cagliari. Vittoria sofferta e più faticosa del previsto, quella dei giallorossi, che hanno rischiato in molte occasioni di essere riacciuffati da un Toro generoso, mai arrendevole. Il successo porta la firma di Osvaldo e Lamela, l’uno tornato al gol dopo 77 giorni di digiuno e l’altro invece sempre più su nella classifica dei marcatori, a quota 14 reti stagionali. Dopo il crollo di Palermo e il pareggio nel derby, era importante tornare al successo e gli uomini di Andreazzoli hanno centrato la quindicesima vittoria in campionato, pur offrendo una prova di luci e ombre. Domenica all’Olimpico arriva il Pescara fanalino di coda, ma prima bisogna pensare alla semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l’Inter, a San Siro mercoledì sera. I nerazzurri sembrano allo sbando, tra sconfitte e infortuni, ma ovviamente non c’è da fidarsi. Conquistare la finale di coppa significa potersi giocare un posto certo in Europa e sfidare di nuovo la Lazio per ritrovare una vittoria che, nel derby, ai giallorossi manca da anni. Insomma, le motivazioni per fare bene in questo finale di stagione non mancano di certo.

LA CRONACA. Con Rolando Bianchi al ritorno da titolare, Ventura sceglie il 4-4-2 offensivo con le ali Cerci e Santana molto alte e Meggiorini al fianco di Bianchi in avanti. Andreazzoli, in chiave Coppa Italia, rinuncia a Florenzi, Marquinhos, Torosidis, Marquinho e Totti (in panchina) e schiera un 4-3-3 in cui si rivede Dodò al fianco del duo Lamela-Osvaldo in attacco e una cerniera mediana composta da Pjanic, Perrotta e Bradley. Gli ospiti partono forte, Osvaldo e Lamela al 6’ e al 17’ mettono subito paura a Gillet con un colpo di testa “ciccato” e un tiro alto di destro. Al 22’, invece, il Toro è battuto: cross da sinistra di Balzaretti e stacco vincente di Osvaldo sul palo lungo, imprendibile per il numero uno granata. Il Torino però non si scoraggia e anzi, al 28’ sfiora il pari con una grande punizione di Cerci dal limite, che si stampa sul palo. E’ solo un avvertimento e il preludio al gol che arriva 3 minuti dopo, quando su cross di Cerci, Burdisso e Castan a centro area perdono entrambi di vista Bianchi, che a due passi da Stekelenburg scaglia un destro violento in rete. Poi più nulla fino alla ripresa, in cui Andreazzoli mette in campo Totti per Pjanic, infortunato, al 9’, con l’arretramento di Dodò. Ma è ancora il Torino a rendersi pericoloso al 13’ sempre con una grande punizione di Cerci, su cui Stekelenburg fa una paratona e devia sulla traversa. Al gol mangiato corrisponde come da copione il gol subìto: due minuti dopo infatti è Lamela che confeziona una rete magistrale con un magnifico sinistro a giro sul secondo palo, impossibile da fermare. Gol numero 14 per l’attaccante argentino e Roma in vantaggio. Finale di gara ricco di occasioni da entrambe le parti: prima Santana per il Toro, poi Piris e Totti per la Roma sfiorano la rete. Balzaretti viene espulso per doppia ammonizione, ma la Roma fa quasi tris in contropiede con Florenzi, che non arriva sul passaggio dentro di Osvaldo. Poi è D’Ambrosio a mettere paura a Stekelenburg con un tiro-cross velenoso in area e infine Ogbonna, quasi allo scadere, scaglia un tiro da fuori deviato da Barreto che per poco non inganna il portiere giallorosso. Finisce la gara, la Roma tira un sospiro di sollievo e sbanca Torino, agganciando la Lazio a quota 51 punti in attesa del posticipo dei biancazzurri contro la Juventus. Mercoledì a Milano il ritorno della semifinale di Coppa Italia contro l’Inter.

TABELLINI E PAGELLE:
- TORINO (4-4-2)
: Gillet 5,5, Darmian 5, Glik 5,5, Ogbonna 6, Masiello 5,5, Vives 6, Gazzi, 6, Cerci 6,5, Bianchi 6,5 (dal 31’ st Jonathas, sv), Meggiorini 5 (dal 22’ st Barreto, 5), Santana 6 (dal 22’ st D’Ambrosio, 6). A disp: Coppola, Rodriguez, Di Cesare, Caceres, Bakic, Stevanovic, Menga. All.: Ventura, 6
- ROMA (4-3-3)
: Stekelenburg 6, Piris 6, Castan 5, Burdisso 5, Balzaretti 4, Perrotta 6,5 (dal 32’ st Marquinho, sv), Bradley 6, Pjanic 6 (dal 9’ st Totti, 6,5), Lamela 7,5, Osvaldo 7, Dodò 6,5 (dal 18’ st Florenzi, 5,5). A disp: Lobont, Goicoechea, Marquinhos, Taddei, Lopez, Destro, Torosidis, Romagnoli, Tachtsidis. All.: Andreazzoli, 6,5
- ARBITRO
: Andrea Romeo, 6
- MARCATORI
: 22’ pt Osvaldo (R), 31’ pt Bianchi (T); 15’ st Lamela (R)
- NOTE
: Spettatori 8590. Ammoniti Vives, Gazzi e Bianchi (T); Burdisso e Bradley (R). Espulso Balzaretti (R) per doppia ammonizione. Angoli: 8-5 per il Torino. Recupero: 1’ pt; 4’ st.

di Paolo Gresta

15 Aprile 2013

stampa | chiudi