stampa | chiudi

LAZIO. LA VOCE DELL'AQUILA

Lazio non pervenuta, a Siena l'ennesima brutta figura

I toscani dominano e vincono con merito

Ci sono  tanti modi per perdere una partita e quello che i biancocelesti hanno scelto ieri è uno dei peggiori. Il posticipo della sesta giornata di ritorno di serie A, giocato ieri sera allo stadio "Artemio Franchi" di Siena, era una buona possibilità per rilanciarsi dopo la buona prestazione casalinga contro il Napoli, invece si è rivelato un vero e proprio disastro. L'approccio alla gara sbagliato, difesa disattenta con Ciani decisamente sotto tono, poca voglia di vincere: il risultato è un netto 3-0 per i senesi che hanno dimostrato che se non si ha "fame" non si arriva da nessuna parte. Sconfitta meritata, senza attenuanti, tanto di capello ai bianconeri di mister Iachini, bravi a chiudere la Lazio nella propria metà campo dimostrando anche una buona qualità offensiva che trova in Rosina e  Emeghara le punte di diamante. Sarebbe un peccato sprecare quanto di buono fatto fino ad ora, il terzo posto è ancora degli uomini di Petkovic, è necessario rialzare la testa e dimostrare il proprio valore sul campo.

LA CRONACA. Dopo l’Inter, sconfitta pesantemente un paio di settimane fa, anche la Lazio cade all’ "Artemio Franchi" di Siena, travolta dai bianconeri padroni di casa. Grande impresa dei ragazzi di mister Iachini, che superano nettamente i più quotati capitolini, alimentando il sogno di una salvezza che resta comunque complicata; un 3-0 firmato dalla doppietta di Emeghara, quattro reti in tre partite per lo svizzero, e il gol di Rosina. Lazio pericolosa solamente nel finale e terzo posto in classifica ora in coabitazione col Milan. Nel Siena mister Iachini dà ancora fiducia in attacco al giovane Emeghara, già a segno contro Inter e Bologna; cambio di modulo, invece, nella Lazio, con Kozak schierato a supporto di Floccari come nel secondo tempo della gara di Europa League a Monchengladbach. Prima frazione a senso unico quella dell’”Artemio Franchi”, dominata dai padroni di casa e chiuso in vantaggio di ben due reti; gol di pregevole fattura quelli dei toscani, partiti entrambi dai piedi di Rubin che prima pesca il solito Emeghara, che di testa batte Marchetti, quindi trova Rosina, lesto ad anticipare un avversario e superare ancora il portiere laziale. Siena perfetto, capitolini timidi, mai veramente pericolosi in attacco. Nel secondo tempo i romani provano ad alzare il baricentro, premendo alla ricerca del gol che riaprirebbe la partita; invece sono ancora i bianconeri a colpire con lo scatenato Emeghara, felino nel bruciare sullo scatto Biava e nel battere l’incolpevole Marchetti. Gara in ghiaccio per la squadra di Iachini, che bada ora ad amministrare un risultato che prima Hernanes e poi Ederson provano a riaprire, senza però trovare fortuna. Al “Franchi” è dominio Siena, Lazio schiantata 3-0: il terzo posto ora è seriamente a rischio.

TABELLINI E PAGELLE:
- Siena (3-4-2-1): Pegolo 6,5; Teixeira 6,5, Terlizzi 6,5, Felipe 6,5; Belmonte 6,5, Vergassola 6,5, Della Rocca 6, Rubin 7; Rosina 7 (78′ Bolzoni SV), Sestu 6 (60′ Valiani 6); Emeghara 8 (76′ Bogdani SV).
- Lazio (4-4-2)
: Marchetti 6; Konko 5, Biava 5, Ciani 4 (32′ Pereirinha 4,5), Dias 5; Candreva 5,5 (67′ Saha 5,5), Gonzalez 5, Hernanes 5, Lulic 5; Kozak 4,5, Floccari 4,5 (78′ Ederson 6).
- Marcatori:
6′ 61′ Emeghara, 23′ Rosina (S)
- Note
: Ammoniti: Ciani, Pereirinha (L)
- Arbitro: Giannoccaro.

di Valerio Ercoli

19 Febbraio 2013

stampa | chiudi