stampa | chiudi

Venerdi' scorso nel Palazzetto dello Sport

De Carolis e Angelocore conquistano le cinture pił importanti della boxe

L'evento sportivo dą ragione all'Italia, male per i pugili stranieri

L'esultanza della vittoria del pugile di Fiano Romano Angelocore

FIANO ROMANO – Il pugile Giovanni De Carolis difende il titolo e riporta a casa il Campionato Internazionale del Mediterraneo Wbc Supermedi. Andrea Angelocore conquista, invece, il titolo vacante di Campione del Mondo Youth Ibf Welter. Questo il risultato della notte scorsa al Palazzetto dello Sport. Tante le persone che hanno assistito alle sfide sul ring. A rendere ancora più piacevole l’evento pugilistico, l’elezione di Miss Ring Girls che ha visto sul palco delle affascinanti ragazze provenienti da tutta la regione pronte a contendersi il titolo.

GLI ALTRI INCONTRI SUL RING. L'evento pugilistico si è aperto con Manuel Grimieri (Roma - 1988 - 1W) che nel sottoclou valevole per i pesi Medi non ha lasciato scampo all’ungherese Lajos Orsos (Ungheria - 1973 - 1W) battendolo ad un minuto e 53 secondi dall’inizio della terza ripresa: abbandono dell’avversario straniero. Il derby tutto romano, valevole per i pesi Medi, tra Daniele Salvestri (Roma - 1987 - 1L) e Patrizio Maruzzelli (Roma - 1980 - 1W) si è concluso, invece, con un pareggio al termine delle sei riprese. E’ stata una sfida molto fisica, che ha registrato due richiami ufficiali per Maruzzelli e uno per Salvestri. Sfida al femminile tra le dilettanti pesi Mosca Sabrina Marconi (Roma - 1987 - 7W 1D 1L) e Chiara Lopresti (Latina - 1992 - 2W 2D 1L): al termine delle quattro riprese vittoria ai punti della romana Marconi.

LA SFIDA TRA DE CAROLIS E BARAN. Dopo è stata la volta della prima difesa volontaria del titolo di Campione del Mediterraneo Wbc Supermedi di Giovanni De Carolis (Roma - 1984 - Team Spagnoli Sphinx - 16W 7 Ko 4L); a supervisionare la sfida l’arbitro Massimo Barrovecchio e i giudici Franco Ciminale, Sergio Silvi e Robin Dolpierre (Francia). Di fronte l’ungherese Attila Baran (Unghersia - 1982 - 11W 6Ko 2L). L’inizio dell’incontro è stato tecnico, i due pugili si sono studiati molto, anche se il campione di casa ha portato a segno colpi pesanti già alla seconda ripresa, ben incassati dall’ungherese. Ma è bastato attendere un pò, e la maggior esperienza del detentore del titolo veniva fuori sulla lunga distanza rispetto al giovanissimo, appena 19enne, sfidante: erano passati un minuto e 55 secondi dall’inizio dell’ottava ripresa che Giovanni De Carolis metteva a segno una serie infinita di colpi portando alle corde Baran senza lasciargli via d’uscita. Ko tecnico e prima difesa volontaria vinta dal campione di casa che così porta a 17 vittorie, delle quali 8 per ko, il suo scorer personale.

SUL RING IL CAMPIONATO DEL MONDO YOUTH IBF WELTER. Sul ring poi è stata la volta del Campionato del Mondo Youf Ibf Welter: a contendersi la cintura vacante il campione di casa Andrea Angelocore (Fiano Romano - 1989 - Team Spagnoli Sphinx - 6W 3ko) e l’ungherese Laszlo Fazekas (Ungheria - 1989 - 10W 7Ko 1L). A supervisionare la sfida l’arbitro Adrio Zannoni e i giudici Francesco Renga, Richard Rolle (Germania) e Grzegorz Molenda (Polonia). Ci sono volute tutte e dieci le riprese prima di conoscere il nuovo campione; si è assistito a capovolgimenti continui dei vantaggi, anche se l’italiano è riuscito meglio a gestire il proprio di vantaggio, fin quando la maggioranza dei giudici non assegnava la vittoria proprio a lui: Molenda 97-93, Rega 96-94 e Rolle 92-98. Settima vittoria per Angelocore, delle quali 3 per ko, e a 23 anni è già un ottimo score.

di Gioia Maria Tozzi

30 Giugno 2012

stampa | chiudi