stampa | chiudi

SPECIALE UEFA EURO 2012

L’Italia c’è. Battuta l’Irlanda, ora i quarti di finale

Azzurri secondi nel girone dietro la Spagna, che fa fuori la Croazia

Missione compiuta, l’Italia di Prandelli approda ai quarti di finale di Euro 2012. Novanta minuti vissuti con il fiato sospeso, con gli occhi sul campo di Poznan, ed un orecchio su quello di Danzica, dove Spagna e Croazia decidevano gran parte del destino dell’Italia. Alla fine, possiamo urlare di gioia. Gli azzurri sono lì dove meritano di essere, se non forse pienamente per il gioco, ancora non del tutto convincente, almeno per il prestigio e la tradizione.

PRIMO TEMPO. Al di là di quello che sarà l’esito dell’altra sfida del girone C, Croazia-Spagna, gli azzurri hanno un solo risultato a disposizione, la vittoria. E poi sperare che anche sull’altro campo le cose volgano a nostro favore. Prandelli cambia rispetto alle precedenti partite. Difesa a quattro, con il rientro di Barzagli al centro con Chiellini, e Balzaretti ed Abate esterni. De Rossi torna a centrocampo, insieme a Pirlo, Marchisio e Thiago Motta in posizione più avanzata, dietro le punte, Cassano e Di Natale, con Balotelli che si accomoda in panchina. Nell’altra metà del campo, l’Irlanda di Giovanni Trapattoni, avversario mai facile. L’Italia non è bella, e parte anche piuttosto male. Calcio di inizio azzurro, ma già dopo pochi secondi, disattenzione difensiva, con l’Irlanda che non è abile a sfruttare l’occasione. I primi minuti sono di marca irlandese, con gli azzurri che sembrano impacciati, e lenti ad entrare in partita. Le poche spinte iniziali sembrano arrivare solo dalla fascia destra di Abate, che cerca di spingere in avanti. Ma l’Italia non è mai davvero pericolosa. Passano 27’ e l’unica annotazione è un cartellino giallo per Balzaretti, costretto al fallo tattico. Ma la Nazionale sta crescendo. Alla mezz’ora le prime vere occasioni: cresce la spinta di Balzaretti sulla sinistra, che mette al centro e pesca Di Natale. Il suo tiro è respinto, con il sospetto azzurro di un fallo di mano di St Ledger che forse non c’era. Il motore azzurro si sta scaldando. Passano tre minuti, Di Natale se ne va in velocità, supera il portiere Given, ma è troppo defilato, ed il suo tiro in porta è ribattuto dalla difesa irlandese. L’azione va avanti, Cassano vede il portiere fuori posizione, ci prova. Calcio d’angolo. Pirlo dalla bandierina, ancora Cassano, di testa. Minuto 35, Italia in vantaggio. Il colpo di testa di Fantantonio viene respinto da Duff, ma il pallone è già abbondantemente dentro. Non impeccabile Given, che si fa passare la palla tra le mani. Con l’Italia in vantaggio, e senza recupero, si va negli spogliatoi. Intanto a Danzica, Spagna e Croazia sono ancora sullo 0-0.

SECONDO TEMPO. Nessun cambio nelle due formazioni, si attendono due minuti, per poter partire in contemporanea con l’altra partita del girone, e si ricomincia. È un’altra Italia, più aggressiva, che dopo tre minuti ci prova con Cassano, con un tiro pericoloso respinto dalla difesa irlandese. Passano pochi minuti ed è sempre Cassano, a lanciare Di Natale, che prova un tiro difficile, da posizione decentrata, e trova la respinta di Given. Le brutte notizie sul fronte azzurro arrivano da Chiellini, che in uno scontro di gioco di fa male, ed è costretto ad uscire, lasciando il posto a Bonucci. Pochi minuti e Prandelli richiama anche Cassano, per far posto all’esordio europeo di Diamanti. Comincia il valzer delle sostituzioni anche per l’Irlanda. I minuti scorrono senza troppe emozioni, con l’Irlanda che cerca di farsi avanti, tiene per qualche minuto l’Italia in tensione, ma senza essere mai realmente pericolosa. La risposta italiana passa per un calcio di punizione di Pirlo – sottotono rispetto al solito standard – alta sopra la traversa. Al minuto 73 arriva il momento di Mario Balotelli, che prende il posto di Di Natale. L’Irlanda continua a creare preoccupazioni agli azzurri, con un atteggiamento aggressivo, culminante con un pericoloso colpo di testa su calcio d’angolo, di poco sopra la traversa, ed un insidioso calcio di punizione, prontamente respinto da Buffon, al minuto 78. Si entra negli ultimi dieci minuti di gioco: punizione dal limite dell’area per l’Italia, ghiotta occasione per gli uomini dai piedi buoni. Diamanti calcia sulla barriera. Brutto episodio all’88’, quando l’irlandese Andrews si fa espellere ed uscendo, preso dalla rabbia, scaglia una pallonata, colpendo Prandelli. Intanto buone nuove da Danzica: la Spagna passa in vantaggio. Pochi minuti ancora. Calcio d’angolo al 90’, dalla bandierina il solito Pirlo. Cross al centro dell’area e splendida sforbiciata di Balotelli. Italia 2, Irlanda 0. Supermario non esulta, ma risponde ai suoi detrattori con il bellissimo gesto atletico che insacca la porta di Given. Tre minuti di recupero. Poi il fischio finale, l’Italia fa il suo dovere e batte l’Irlanda 2-0. Ma a Danzica si gioca per un altro minuto, ancora un minuto di attesa. Poi anche da lì arriva il triplice fischio. La Spagna ha battuto la Croazia. E gli azzurri passano ai quarti, secondi in classifica nel girone C, dietro agli iberici. Un’Italia forse non ancora pienamente convincente, che a tratti ha subito la pressione degli avversari, piuttosto modesti per la verità. Ma un’Italia che continua il suo cammino, aspettando la vincente del girone D. Appuntamento domenica sera, e sarà tutta un’altra storia.

TABELLINI E PAGELLE:
Italia (4-3-1-2): Buffon 6; Abate 6,5, Barzagli 6, Chiellini 6 (11' st Bonucci 6), Balzaretti 6,5; Marchisio 6,5, Pirlo 5,5, De Rossi 6,5; Motta 5,5; Cassano 6,5 (17' st Diamanti 6), Di Natale 6 (28' st Balotelli 7). A disp.: Sirigu, De Sanctis, Maggio, Ogbonna, Giaccherini, Borini, Montolivo, Giovinco, Nocerino. C.T.: Prandelli.
Irlanda (4-4-2): Given 5; St.Ledger 6, O'Shea 5, Dunne 6, Ward 5,5; McGeady 6,5 (20' st Long 6), Whelan 6, Andrews 4,5, Duff 5,5; Keane 6 (41' st Cox s.v.), Doyle 6 (31' st Walters 6,5). A disp.: Westwood, Forde, Kelly, McShane, Gibson, Hunt, O'Dea, Green, McClean. C.T.: Trapattoni.
Arbitro
: Cakir (Turchia): 6
Marcatori
: 35’ Cassano, 90’ Balotelli
Ammoniti
: 27’ Balzaretti (IT), 37’ Andrews (IRL),39’ O’ Shea (IRL), 70’ De Rossi (IT),72’ Buffon (IT), 84’ St. Ledger (IRL)
Espulsi
: 88’ Andrews (IRL)
Note
: recupero 0’ pt; 3’ st 

di Gloria Di Sandro

19 Giugno 2012

stampa | chiudi