stampa | chiudi

SPORT – ROLAND GARROS 2012

Superba Errani: a Parigi è finale

L’azzurra elimina la Stosur. Giocherà per il titolo anche nel doppio

Inarrestabile Sara Errani. Adesso è ad un passo dal sogno, un traguardo che è lì, dista solo un match. Quello più importante. Il Roland Garros è diventato un torneo che sorride al nostro Tricolore. Per il terzo anno consecutivo la finale femminile dell’Open parigino vede in campo una nostra tennista. Negli ultimi due anni era stata Francesca Schiavone a raggiungere la finale, trionfando nel 2010. Questa volta tocca a Sara Errani rappresentare l’Italia nella finale parigina. Sabato sfiderà Maria Sharapova, che nell’altra semifinale ha battuto la Kvitova in due set.

IL MATCH. “Non ci credo”. Queste le prime parole di Sara Errani al termine di un incontro tiratissimo contro Samantha Stosur. La muscolosa australiana di nuovo duramente colpita dalle azzurre: dopo la sconfitta in finale contro la Schiavone, questa volta cede a Sara Errani. Si parte subito con break e controbreak. Decisivo l’undicesimo game, quando la Stosur entra in leggera confusione, quanto basta perché Sara si prenda il break; dopo 46 minuti di gioco un dritto vincente e Sara chiude il primo set, 7-5. All’inizio del secondo set Sara va in blackout totale; all’inizio sembra poter impensierire ancora l’australiana, tanto da essere sul punto di strapparle il servizio, ma la Stosur ne esce bene, e legittima il suo momento positivo, con Sara Errani che sembra non essere mai entrata in partita. L’australiana si porta agevolmente sul 5-0. Al sesto game la Errani le annulla due palle set, ma dopo 1h 22’ di gioco, il decimo ace della Stosur le fa chiudere il secondo set con il punteggio di 6-1. Set senza storia, Sara è sembrata quasi non esserci. Parità e si va all’ultima frazione dell’incontro. La breve pausa sembra rigenerare l’italiana che parte forte, conquista subito il break e si porta sul 3-0. Il match non è, però, in discesa. Al quinto game, controbreak Stosur e punteggio sul 3-2. La svolta della gara, il momento decisivo, si gioca all’ottavo game. La tennista australiana si rende protagonista di una serie incredibile di errori, buttando fuori diverse palle facili. Sara è tenace e grintosa, e brava ad approfittare della confusione dell’avversaria: si prende di nuovo il break di vantaggio, e va a servire per il match, per la finale di Parigi. Tre match point a disposizione. Ne basta uno. Sara lascia cadere la racchetta e si distende sulla terra rossa del Philippe Chatrier. Dopo 2h 4’ la finale è sua. E la piccola Sara scoppia in un pianto liberatorio.

LA FINALE. “Non ho parole. È una sensazione meravigliosa”. Queste le prime parole di Sara dopo aver conquistato questo storico traguardo. Il successo nella semifinale le permetterà di entrare nella top ten mondiale dal prossimo lunedì, terza azzurra dopo Pennetta e Schiavone. Sabato giocherà per la storia, contro la siberiana Maria Sharapova, che non ha mai vinto al Roland Garros, e che grazie all’approdo a questa finale diventa la nuova numero 1 al mondo. Ma il torneo di Sara Errani non si limita a questo: Sara è in finale anche nel doppio, in coppia con Roberta Vinci. Le azzurre sfideranno le russe Kirilenko e Petrova. Brutte notizie, invece, dal doppio maschile con Bracciali e Starace eliminati in semifinale  dalla coppia Mirnyi-Nestor con il punteggio di 6-3, 6-4.

di Gloria Di Sandro

07 Giugno 2012

stampa | chiudi