stampa | chiudi

L'iniziativa organizzata dal Comitato Rifiuti zero

“O Riciclo O Morte”, i cittadini protestano contro la discarica

Il gruppo ha indetto una nuova manifestazione per il 28 settembre

Nella foto di home page: uno dei cartelloni esposti dai manifestanti - nella foto interna: un'immagine della manifestazione di protesta (Foto: Il. mis.)

RIANO - Nuova manifestazione per dire "no" all'eventuale installazione della discarica nella zona di Pian dell'Olmo e Quadraro Alto. Sabato scorso si è svoltà l'iniziativa organizzata dal Comitato Rifiuti Zero.

LA PROTESTA. "Riano non diventerà la nuova Malagrotta" recita il volantino distribuito dai volontari del Comitato che ha organizzato la protesta. Il corteo è partito da La Rosta (Taddeide) ed è arrivato all'incrocio della via Flaminia dove i manifestanti hanno stazionato in una protesta pacifica e ordinata, esponendo striscioni, molti dei quali realizzati dai cittadini. Su alcuni si legge "o riciclo o morte" e "Liberi di vivere una vita sana. Il nostro futuro senza discarica". Alla manifestazione hanno aderito ufficialmente le istituzioni locali di tutti i paesi della zona. Tra i presenti, oltre al sindaco di Riano Ricceri, e gli assessori, anche i sindaci di Castelnuovo di Porto Stefoni, quelli di Morlupo e di Sant'Oreste, Commissari e Menichelli.

I NUMERI. "C'erano almeno mille persone - dichiara l'ex sindaco di Castelnuovo Massimo Lucchese - una partecipazione importante, considerato che abbiamo fatto tutto col passaparola". Nicola Tatulli, assessore ai Lavori Pubblici e Protezione Civile di Riano, ridimensiona i numeri intorno alle sette, ottocento persone, ma ammette "non saprei quantificare, c'era veramente tanta gente".

IL PROBLEMA RIFIUTI. A seguito dell'improrogabile chiusura della discarica di Malagrotta, che per anni ha raccolto i rifiuti di Roma e di parte della provincia, la questione dei rifiuti è balzata agli onori della cronaca. Il nuovo piano doveva essere presentato entro fine luglio dalla presidente della Regione Lazio Polverini, che aveva ventilato nei mesi scorsi l'ipotesi di siti alternativi tra cui quello di Pian dell'Olmo. Quindici giorni fa la nomina di commissario straordinario per l'emergenza del Prefetto Pecoraro, al quale è stato dato un mese e mezzo di tempo per risolvere il problema. "Gli rimangono trenta giorni - afferma Luigi Poeta, delegato del sindaco di Riano alla comunicazione - Finora non ci è stata data nessuna notizia ufficiale, solo indiscrezioni in cui si parla di Pian dell'Olmo e di Quadraro Alto". Il primo ufficialmente nel territorio del comune di Roma, "Ma le abitazioni più vicine sono a 200 m dal sito e sono nel comune di Riano - continua Poeta - il secondo interno al territorio di Riano. Già nei mesi scorsi l'amministrazione comunale si era fatta portavoce del dissenso della popolazione a ospitare la discarica. Il territorio interessato dagli eventuali provvedimenti si è fatto carico del problema, negli anni, attuando politiche volte alla raccolta differenziata. Castelnuovo di Porto è stato premiato in primavera per la raccolta porta a porta nell'ambito della manifestazione "Comuni Recicloni 2011", mente a Riano è già avviato il piano della raccolta differenziata su strada e nel centro storico c'è la raccolta porta a porta.

LE DATE DELLE ALTRE MANIFESTAZIONI. Nei prossimi giorni il Comitato Rifiuti Zero organizzerà altre proteste, in particolare l'appuntamento è per il 28 settembre, presso il Consiglio Regionale del Lazio, in via della Pisana a Roma, alle ore 15.

dell'inviata Ilaria Misantoni

24 Settembre 2011

stampa | chiudi