stampa | chiudi

Il 27 agosto alle ore 18.30 nello studio Mazzocchi

Parte l'asta di beneficenza per il restauro della chiesa di Sant'Antonino

In vendita opere grafiche di maestri del Novecento italiano, di arte africana e dipinti di autori contemporanei

La facciata esterna della chiesa di San Antonino di Fara in Sabina

FARA SABINA - Restaurare la chiesa di San Antonino martire di Fara in Sabina. E' questo lo scopo dell'asta di beneficenza che si terrà sabato 27 agosto, alle ore 18.30, presso lo studio Mazzocchi di via del Popolo 70/L.

L'INIZIATIVA. Durante l'asta saranno messe in vendita opere grafiche dei maestri del Novecento italiano come Michele Cascella, Tommaso Cascella, Lorenzo D'Andrea, Gino Guida, Luca Linari, Mino Maccari, Franco Mulas, Ugo Nespolo, Marco Rossati e altri, ma anche opere di arte africana e dipinti di autori contemporanei. Il ricavato delle vendite sarà devoluto alla parrocchia di Sant'Antonino per gli interventi di restauro.

LA CHIESA DI SAN ANTONINO. La chiesa, nata sui resti di una chiesa preesistente risalente al 1343, venne ricostruita nel 1501 nello stesso luogo conservando, però, lo stato della chiesa cimiteriale sotterranea. In questo periodo viene anche costruito il campanile oggi esistente. La nuova chiesa e l'abitato dipendono, ora, dall'Abbazia benedettina di Farfa.

di Laura Bernardini

25 Agosto 2011

stampa | chiudi