stampa | chiudi

Fotoreportage - Cronaca di Roma

I nomadi di via Torre Branca rifiutano il trasferimento

Viene rinviato di 48 ore lo sgombero delle famiglie rom di zona Tor Fiscale

Rom di Via Torre Branca 83
(Fotoreportage di Chiara Rossi)

ROMA - Già da questa mattina via di Tor Fiscale è tappezzata di manifesti dell'amministrazione Tredicine - presidente della commissione Politiche Sociali e Famiglie di Roma - che inneggiano all'obiettivo raggiunto: "Tor Fiscale libera dai rom". Sono 150 i rom - gli stessi che avevano occupato la Basilica di San Paolo fuori le mura alla vigilia di Pasqua - che vivono nel capannone di via Torre Branca 83, gestito dalla cooperativa Un Sorriso, legata alla Domus Caritatis. Ieri sera la Caritas ha avvertito le famiglie rom del trasferimento senza precisare la destinazione. La nuova soluzione abitativa sarebbe dovuta essere il Centro di accoglienza sulla Salaria, un ex cartiera che ospita già numerose famiglie "e in condizioni non dignitose", come già più volte ha denunciato l'associazione 21Luglio. La comunità di rom rifiuta il trasferimento, sostenuta dalla Onlus Popica; lo sgombero viene rimandato di 48 ore previa valutazione di opzioni abitative alternative. Domani mattina alle otto e trenta ci sarà davanti ai cancelli del centro di via Torre Branca un presidio di solidarietà per le famiglie rom.

Fotoreportage di Chiara Rossi

25 Giugno 2011

stampa | chiudi