stampa | chiudi

La manifestazione il 7 maggio a piazzale Cairoli

Walter Veltroni in piazza per sostenere il candidato sindaco Ottorino Ferilli

Oltre all'onorevole sono intervenuti il sindaco uscente Tarquinio Splendori e il capo lista

Il candidato sindaco del centro sinistra Ottorino Ferilli durante il suo intervento. Dietro di lui l'onorevole Walter Veltroni e il sindaco uscente Tarquinio Splendori (Foto: g.m.t.)

FIANO ROMANO - Circa trecento persone ieri, a piazzale Cairoli, hanno accolto l'arrivo di Walter Veltroni. L'onorevole è intervenuto a sostegno della candidatura a sindaco di Ottorino Ferilli. E'stato Tarquinio Splendori, sindaco uscente, ad aprire il comizio elettorale con una breve introduzione sul "successo della classe amministrativa di centro sinistra che da cinquanta anni governa in maniera adeguata questo paese". "Vinceremo - ha continuato il sindaco Splendori - ne sono certo, perchè la nostra politica è stata sempre al servizio del cittadino con servizi di ogni genere, da quello infermieristico a quello domiciliare, con laboratori didattici gratuiti e servizi ai disabili". Dopo aver ricordato Dario Ardenti e Tonino Frezza con un lungo applauso da parte di tutti i partecipanti, ha lasciato la parola al candidato sindaco.

L'INTERVENTO DEL CANDIDATO SINDACO OTTORINO FERILLI. "Non abbiamo interessi particolari da tutelare": questo il perno di tutto l'intervento del candidato del centro sinistra che ha toccato, nel suo discorso, i temi principali della sua campagna elettorale. "Abbiamo fatto dell'ascolto dei problemi e dei disagi dei nostri cittadini il punto fondamentale di questa campagna elettorale - ha evidenziato il candidato sindaco Ottorino Ferilli - ad esempio il problema dell'acqua, la pulizia di alcune zone, gli investimenti per i giovani, a tutto questo sono seguiti dei progetti reali e di qualità, di cui i nostri elettori saranno i primi testimoni. Ciò che la lista di centro sinistra si proprone, afferma il candidato sindaco, si fonda su idee e bisogni concreti, con accuratezza e senza sperperare". Conclude, infine, che "la scelta del mio nome come candidato è avvenuta attraverso uno strumento democratico, le primarie. Mentre la lista civica, che ha esasperato i toni della campagna elettorale, con quale strumento ha scelto il suo candidato che è lo stesso di cinque anni fa? Noi proponiamo giovani preparati e, nel corso degli anni, abbiamo cambiato tre sindaci diversi e 80 candidati. Ed è questo che fa la differenza". Ha, quindi, passato la parola all'onorevole Walter Veltroni.

PARLA L'ONOREVOLE WALTER VELTRONI. "Ogni volta che vengo in questo paese - ha esordito l'onorevole Walter Veltroni - e che vengo in questa piazza il mio sguardo e il mio ricordo cade su Enrico Berlinguer. E voglio ricordare due suoi importanti concetti: i pensieri lunghi e la questione morale. Cito spesso questi due argomenti, dato che oramai siamo tornati indietro, a pensieri cortissimi e a un forte degrado morale". E' sulla volontà di riscatto da un governo immorale e da un paese in decadenza, che Walter Veltroni ha incentrato il suo discorso, augurandosi che si ritrovi "la forza di difendere ciò che nella nostra storia di italiani, ci ha reso riconoscibili nel mondo. E parlo di accoglienza, di solidarietà, di apertura. Siamo il paese di Giotto e Renzo Piano, di Michelangelo e Fellini, non solamente di La Russa e del modello berlusconiano". Si è poi rivolto a Ottorino Ferilli, ricordando l'importanza del compito di sindaco. "Si può sbagliare ad eleggere un presidente del consiglio, ma non un sindac - ha continuato l'onorevole - perchè quando si sceglie un primo cittadino non adatto a questo ruolo, la qualità della vita cambia radicalmente. Io sono stato sindaco per sette anni ed è, credetemi, l'unica esperienza politica che rifarei". Ha, quindi, ringraziato Tarquinio Splendori, che a soli 27 anni è diventato per la prima volta sindaco, per il lavoro da lui svolto in questo Paese negli ultimi 10 anni. Ha concluso affermando che "da lunedì 16 maggio Ottorino sarà il sindaco di questo paese. Un sindaco di tutti, anche di coloro che non l'avranno votato. Ma, sono sicuro, sarà capace di combattere a fianco dei cittadini fianesi per tutti i loro bisogni".

di Caterina Fava

08 Maggio 2011

stampa | chiudi