stampa | chiudi

Dal 25 aprile all’8 maggio nel Museo del Fiume

Una mostra-gemellaggio tra l’Italia e la Spagna: al via “Tevere – Llobregat & Co.”

Durante l’iniziativa esporranno il pittore Luca Fancello e la fotografa Carmen Boixadòs Ruiz

NAZZANO - Una mostra pittorico-fotografica che è un gemellaggio tra il Tevere, fiume italiano, e il Llobregat, fiume della Catalogna in Spagna. Dal 25 aprile all'8 maggio, infatti, nella sala delle mostre temporanee del Museo del Fiume, si terrà l'esposizione "Tevere - Llobregat & Co." - Dos rios, dos artistas - del pittore Luca Fancello e della fotografa Carmen Boixadòs Ruiz. La mostra resterà aperta dalle ore 10 alle 15 dal martedì alla domenica.

LA MOSTRA. L'esposizione, presentata con successo in Spagna nel marzo scorso, ha come idea di base il gemellaggio tra il Tevere (Italia) e il Llobregat (Catalogna-Spagna): due fiumi che percorrono paesaggi diversi, ma sempre nell'ambito di due territori chiave nella storia dell'area mediterranea; due corridoi d'acqua testimoni e attori dello sviluppo culturale ed economico di popoli e civiltà. L'esplorazione delle convergenze e delle differenze fra i due fiumi è affidata in modo originale e nuovo alle capacità visionarie e di rappresentazione di due artisti, il pittore italiano Luca Fancello e la fotografa catalana Carmen Boixados Ruiz, diversi fra loro per tecniche di esecuzione ma accomunati dalla stessa sensibilità artistica.

LE OPERE IN ESPOSIZIONE. Le opere esposte sono il risultato della ricerca e quindi della interpretazione artistica sui due fiumi da parte dei due artisti: Luca Fancello, che attualmente espone le sue opere sotto il patrocinio dell'Istituto Nazionale di Arte Contemporanea e del Ministero dei Beni Culturale Italiano nella Biblioteca Nazionale di Torino e nei prossimi mesi nelle Biblioteche Nazionali di Cosenza e Roma, e Carmen Boixados Ruiz, che attualmente espone le sue opere in varie province spagnole sotto il patrocinio della banca spagnola Caja Duero. Le opere, più di 30, saranno di grandi dimensioni (dai 100x70 cm ai 100x130 cm). Un terzo dei lavori sono opere fotografiche sui due fiumi di Carmen Boixados, un altro terzo sono opere pittoriche del paesaggio astratto ed installazioni in plexigas ad opera di Luca Fancello, mentre una terza parte dell'esposizione è composta da opere firmate congiuntamente dai due artisti e costituite da un assemblaggio di fotografia, manipolazione grafica ed interventi plastici.

di Glauco Marino

19 Aprile 2011

stampa | chiudi