stampa | chiudi

Nei guai due giovani pregiudicati

Spaccio e detenzione illegale di armi: un arresto e una denuncia a piede libero

I carabinieri mettono le mani su dosi di stupefacenti e su un vero e proprio arsenale

MONTEROTONDO-NEROLA - Due pregiudicati nei guai: uno trovato in possesso di sostanze stupefacenti pronte per lo spaccio e l'altro per detenzione illegale di armi. Le due operazioni sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Monterotondo e della stazione di Nerola.

ARRESTO PER SPACCIO. Intorno alle 19:30 di ieri i carabinieri della Compagnia di Monterotondo hanno arrestato M. T., un pregiudicato di 26 anni, per detenzione di sostanze stupefacente al fine dello spaccio. L'arrestato, infatti, è stato trovato in possesso di 13 dosi di hashish che era pronto a spacciare nella città eretina se non fosse stato bloccato dai carabinieri che da giorni lo stavano tenendo d'occhio. La sostanza stupefacente è stata sequestrata dai militari e l'arrestato, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato presso il Tribunale di Tivoli per il giudizio con rito direttissimo.

DENUNCIATO PER POSSESSO ILLEGALE DI ARMI. Stamattina, invece, i carabinieri della stazione di Nerola, hanno denunciato all'Autorità Giudiziaria G. M., un pregiudicato di 31 anni, per detenzione abusiva di armi e munizioni. L'uomo, che risiede Scandriglia, in provincia di Rieti, e di fatto è domiciliato a Nerola, a seguito di controlli incrociati è stato scoperto in possesso di un piccolo arsenale. Nella sua abitazione, infatti, i carabinieri hanno rinvenuto una carabina ad aria compressa, nove coltelli a serramanico di notevoli dimensioni e svariate munizioni di vario calibro. Il materiale è stato sequestrato dai carabinieri.

di Glauco Marino

12 Novembre 2010

stampa | chiudi