Stampa

L'INIZIATIVA E' APERTA A CITTADINI E ASSOCIAZIONI

In Sabina nasce un comitato referendario per fermare il nucleare

Il neo-gruppo: "Respingere la scelta nucleare perché inutile, costosa e pericolosa"

FARA SABINA - "Inutile, costoso e pericoloso". Sono queste le motivazioni che hanno portato alla nascita a Fara Sabina del comitato referendario contro il nucleare. Lo schieramento unitario e trasversale, aperto a tutte le organizzazioni e ai cittadini che intendono opporsi al ritorno all'energia dell'atomo, intende coinvolgere i cittadini farensi nel respingere, per la seconda volta nella storia del Paese, la scelta nucleare.

LA CAMPAGNA REFERENDARIA. La campagna referendaria sarà portata avanti con lo scopo di fornire ai cittadini informazioni trasparenti sulla tecnologia nucleare e sulle centrali che il Governo vorrebbe costruire nel Paese.

LE MOTIVAZIONI DEL COMITATO. "Il comitato - si legge nella nota - ritiene che il nucleare sia inutile perché sarebbe più utile privilegiare politiche di risparmio energetico e di aumento dell'efficienza energetica, piuttosto che andare a rifornire di energia un sistema pieno di sprechi. Costoso perché ad oggi non è ancora chiaro quanto costa costruire una centrale nucleare: alcune stime parlano di 6-9 miliardi di euro per ogni reattore. Stessa cosa per lo smantellamento. Inoltre, i tempi di costruzione di una centrale, oltre 10 anni, non possono rispondere ai problemi energetici che sono al contrario attuali e dinamici. Tutti questi costi andranno inevitabilmente a carico della collettività, come i costi per la sicurezza, della gestione delle scorie ecc... Pericoloso sia perché l'Italia è un Paese ad alto rischio sismico, sia perché i reattori durante la loro vita possono avere incidenti più o meno gravi, che ogni volta rilasciano radioattività e sostanze radioattive nell'ambiente. Inoltre durante il loro normale esercizio le centrali rilasciano nelle aree circostanti radioattività, come dimostrato da molti studi accademici. Infine - continua la nota - la catastrofe giapponese ci ha insegnato che a volte l'imprevedibilità di un evento si trasforma in realtà. Oltre tutto questo c'è l'annoso problema della gestione delle scorie nucleari, che rimangono radioattive per migliaia di anni, rappresentando un pericolo e un peso per le generazioni future. Ad oggi nessuna nazione al mondo è riuscita a trovare un sito sicuro e stabile nei millenni, per depositare le scorie, senza che queste vadano a rappresentare un pericolo per la salute umana o per l'ambiente. Infine, il nucleare non renderà più indipendente energeticamente l'Italia, ma al contrario, oltre a produrre una percentuale esigua del nostro fabbisogno di energia elettrica, la renderà dipendente da altri Paesi, come la Francia, per la fornitura di uranio e tecnologia".

LA PROPOSTA DEL COMITATO. Il comitato propone l'utilizzo dei circa 30 miliardi di euro previsti per la costruzione dei quattro reattori Epr, per favorire e incentivare la ricerca e lo sviluppo sulle fonti rinnovabili e sull'efficienza energetica, unica vera soluzione ai problemi energetici del Paese, ai problemi ambientali e al cambiamento climatico. Il comitato opererà per promuovere capillarmente sul territorio il diritto di partecipazione democratica a questa scelta del Paese e invita già da subito i cittadini farensi a recarsi alle urne il 12 e il 13 giugno, per esprimere con un "sì" la contrarietà al ritorno delle centrali nucleari.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI. I cittadini e le associazioni che voglio aderire al comitato, possono farlo inviando una mail all'indirizzo fermiamoilnucleare.farasabina@gmail.com 

di Laura Bernardini

Fara Sabina - 26 Marzo 2011

Articolo scritto da Laura Bernardini
Redazione TevereNotizie.com

Commenti dei lettori

scrivi commento

annulla commento

Scrivi il tuo commento

Nome

Inserisci il tuo nome e cognome

Email

La tua mail non sara' visibile al pubblico

Commento

Hai qualcosa da dire o da condividere? Ora lo puoi fare!...

Eventi&Cultura

Da Torino a Torrita: l'arte contemporanea accende il terzo "Borgo in Festa"

TORRITA TIBERINA – Nel paese tiberino cresce l’attesa del tramonto del sole di sabato 28 settembre per ammirare l’opera “Ancora una Volta” di Valerio Berruti, che illuminerà...

Cronaca

Il Capitano Ultimo incontra gli studenti: un botta e risposta tra valori e legalità

FIANO ROMANO – In un Palazzetto dello Sport gremito di giovani delle scuole medie locali si è svolto l’incontro con il Capitano Ultimo: l’eroe dell’Arma che ha combattuto e combatte la mafia...

Cronaca

Rubavano auto e vendevano i pezzi al mercato nero: cinque persone nei guai

CAPENA – Rubavano auto e le smontavano per poi rivenderne i pezzi al mercato nero. I carabinieri...

Cronaca

Forza le auto e ruba stereo ed altri oggetti: fermato ed arrestato dai carabinieri

FIANO ROMANO – Aveva preso di mira le auto parcheggiate nel centro commerciale Feronia di via Milano. I carabinieri lo hanno fermato tra le vett...

Cronaca

La parrocchia ricorda Don Giuseppe Mariottini a 20 anni dalla sua scomparsa

FIANO ROMANO – A vent’anni dalla sua morte si ricorda con una cerimonia ed un momento di riflessione e di testimonianza Don Giuseppe Mariottini, parroco del paese per oltre 50 anni...

Articoli correlati